Legge Quadro n° 328 del 08.11.2000
Gli aspetti innovativi e più significativi della Legge Quadro n° 328 del 08.11.2000 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato d’interventi e servizi sociali”, si possono così riassumere:

• Il superamento della residualità degli interventi assistenziali all’interno delle politiche sociali complessive e il passaggio da interventi di tipo riparatorio e di lotta all’emergenza, ad interventi e servizi di tipo preventivo e promozionale.

• La realizzazione di una rete locale d’interventi e di servizi sociali con cui la Comunità assicura, a persone e famiglie, una protezione sociale attiva finalizzata alla prevenzione e contemporaneamente in grado d’individuare e valorizzare le risorse personali e familiari di ciascun cittadino/ utente.

• Il riequilibrio territoriale di tutte le risorse finanziarie disponibili assicurando, tramite i Piani di Zona, una scelta di priorità strettamente connaturate con l’analisi dei bisogni e la cultura dei diversi ambiti territoriali.

L’art. 19 della Legge N° 328/00 prevede che i Comuni di ciascun ambito territoriale provvedono alla definizione dei Piani di Zona.

Il Piano di Zona ha, come finalità:

• Favorire la creazione di una rete di servizi ed interventi flessibili, stimolando risorse della comunità locale;

• Qualificare la spesa;

• Prevedere progetti, e servizi che migliorino la qualità della vita; interventi di contrasto alla povertà e di sostegno nelle situazioni di non autonomia.

Il Piano di Zona, di durata triennale, è concepito in un'ottica incrementale, come processo e come percorso. Non si tratta, infatti, di un atto rigido concluso al momento dell'approvazione.